mercoledì 16 marzo 2016

La Juve sfiora l'impresa, Bayern pareggia 2-2 al 91°: Battuta ai supplementari

E’ mancato l’ultimo miglio ai bianconeri. Hanno vinto i più forti, che per una notte non si sono dimostrati i migliori, perché la Juve per 73 minuti fino al gol di Lewandowski era stata perfetta, ha saputo cogliere l’attimo, sfruttare le occasioni, indirizzare gli episodi, resistere e colpire di rimessa. Buffon e compagni però hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, giocando una gara eroica. E’ mancato poco. Allegri l’aveva.....

incartata con quel 5-4-1. Non se l’aspettava Guardiola. Il suo Bayern è andato sotto. Ha rischiato di barcollare, di prendere il terzo.

Tenuto in piedi da Neuer ha resistito e da lì è nata la rimonta. Nel primo tempo però Alaba ha regalato il vantaggio a Pogba. L’arbitro ha annullato un gol a Morata. Lo spagnolo poi ha seminato avversari e servito il 2-0 a Cuadrado, che prima dell’intervallo è stato stoppato da Neuer. La ripresa si è aperta con la Juve a pressare alto, a giocarsela. Annullato ingiustamente dall'arbrito un altro gol, quello di Alvaro Morata, che in realtà era in posizione regolare perchè tenuto in gioco da Kimmich. Sembrava l’avessero sfangata. Poi un paio di errori. Bonucci si è perso Lewandowski: 1-2. Nel recupero Evra ha regalato il 2-2 a Muller. E’ finita come a Torino, all’andata.



Servivano i supplementari. Il Bayern si è presentato più fresco, Guardiola ha pescato dalla sua lunga panchina e ha fatto bingo con Thiago Alcantara e l’ex Coman. E’ finita 4-2 per i bavaresi, che hanno strappato il pass i quarti. Applausi per la Juve. Ma certe notti, non possono bastare, perché l’amarezza per quello che è stato perso è più grande dell’orgoglio e della consapevolezza di aver giocata a tratti meglio di una delle squadre più forti del mondo.

Nessun commento:

Posta un commento