giovedì 12 maggio 2016

Investe una ragazza con l'auto e fugge: pensa sia morta e si uccide sotto il treno

Dramma a Milano: investe una ragazza, pensa che sia morta, scappa e poi si suicida sotto un treno. Tutto inizia alle 2.40 nella notte tra sabato e domenica scorsi, in in piazzale Baiamonti all’incrocio con via Volta. Il semaforo non è in funzione. Una ragazza sta attraversando sulle strisce quando sopraggiunge un’auto guidata da un ragazzo di 28 anni, reduce da....
una serata con gli amici. L'impatto è inevitabile. Viene sbalzata e finisce sull’asfalto. Il 28enne sotto choc non si ferma e scappa. Poco dopo abbandona l’auto poco dopo, in via Ceresio, e inizia a vagare per le strade del quartiere.

Alle 3.30 viene soccorso da un’ambulanza davanti alla stazione di Porta Garibaldi. È in evidente stato di alterazione e i sanitari lo accompagnano al Fatebenefratelli. Viene registrato  viene visitato una prima volta. Poi intorno alle 4.30 si allontana dal pronto soccorso e nessuno se dove sia finito. Nel frattempo gli agenti della polizia locale sono riusciti a riusciti a trovare l’auto pirata e quindi il suo proprietario.

Il 28enne sempre in preda al panico e con la certezza evidentemente di aver ucciso la ragazza nell'incidente ha deciso di farla finita e alle 11.15 della mattina di domenica lanciandosi sotto un treno diretto a Lecco. Il suicida è proprio lui, quel ragazzo che aveva causato l’incidente in piazzale Baiamonti. Un gesto commesso in preda alla disperazione. La ragazza travolta in realtà non è grave. I medici le hanno dato 21 giorni di prognosi.

Nessun commento:

Posta un commento