mercoledì 27 luglio 2016

Incidente sull'A2 in Svizzera, coinvolto autista Bergamasco: quattro morti

Un grave tamponamento è avvenuto martedì verso mezzogiorno sull'autostrada A2, direzione nord, all'altezza dell'area di servizio di Quinto. Un 50enne italiano della ditta “Koinè” di Madone carico di bottiglie di acqua minerale Sanpellegrino che circolava sull'A2 in direzione nord alla guida di un Tir, per cause che l'inchiesta di polizia dovrà stabilire, ha tamponato una vettura con targhe tedesche ferma in colonna. L'auto.....
è poi a sua volta andata a finire contro un camion che trasportava blocchi di granito, con alla guida un 47.enne svizzero. Il 50.enne ha riportato gravi ferite ed è stato trasportato con l'elicottero all'ospedale, dove versa in condizioni disperate e lotta contro la morte (le sue condizioni si sono aggravate dal momento del ricovero), mentre le persone a bordo dell'auto sono morte: madre e padre di 43 anni e due figlie minorenni di 12 e 8 anni, tutti di nazionalità tedesca. Il recupero delle salme ha richiesto diverse ore di lavoro ai soccorritori ed è terminato in serata.


Sul posto sono intervenuti i pompieri del Centro di intervento del San Gottardo (CIG), gli addetti dell'Unità territoriale 4, i soccorritori di Tre Valli Soccorso e della Rega. Le operazioni di soccorso sono ancora in corso e sono rese difficoltose dal fatto che la vettura, in cui vi sono persone decedute, è rimasta incastrata tra i due mezzi pesanti e schiacciata da alcuni blocchi di granito trasportati da uno dei due camion.



L'A2 in direzione nord è ancora chiusa per consentire le operazioni di soccorso, di ripristino della carreggiata e i rilievi del caso, e lo rimarrà almeno fino alle 19. Il traffico leggero in direzione nord è stato in un primo tempo deviato sulla strada cantonale (poi è stato riaperta una corsia dell'autostrada), mentre il transito dei mezzi pesanti verso la Svizzera centrale è bloccato fino a nuovo ordine. In entrambe le direzioni vi sono attualmente diversi chilometri di code. 





Nessun commento:

Posta un commento