martedì 25 ottobre 2016

Migranti, Alfano: Macché collasso, l'accoglienza funziona

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, torna a parlare dell'accoglienza dei migranti. Ovviamente spezza una lancia a favore del governo di cui fa parte. E nega che vi siano problemi: che invece sono sotto gli occhi di tutti. Leggo di collassi nell'accoglienza per di più attribuiti a un non meglio identificato Viminale. Macché collasso! La macchina organizzativa dei soccorsi e dell'accoglienza sta funzionando e noi.....
la stiamo supportando con tutta la forza e l'energia necessaria. Il responsabile degli Interni snocciola poi alcuni aspetti a sostegno della propria tesi: Il lavoro sui punti di sbarco è stato ed è faticoso - prosegue - ma anche gratificante come quando a Napoli decine e decine di studenti del liceo sono intervenuti ad aiutare i soccorritori. Tutto funziona meglio quando troviamo, ed accade sempre più spesso, i sindaci che danno una mano e proprio per questo sono fiducioso che l'accordo con l'Anci possa funzionare al meglio e al più presto.

Ieri Alfano si era augurato la riduzione degli sbarchi a causa del sopraggiungere dell'inverno. E da Napoli ha annunciato che con l’Anci abbiamo realizzato un accordo che prevede siano distribuiti (i migranti, ndr) in tutti i comuni italiani.

In un'intervista a La Stampa il capo della polizia, Franco Gabrielli, ha detto che bisogna distinguere i profughi dai migranti economici, contrastare l'immigrazione clandestina, gestire il rimpatrio. Poi anche lui ha lamentato che l'Italia è stata un po' abbandonata dall'Europa, in cui sono prevalsi egoismi nazionali. Ed ha snocciolato un po' di numeri: dal 1° gennaio del 2014 ne sono sbarcati in Italia oltre 440.000, la maggior parte si è poi diretta verso il Nord Europa ma molti sono rimasti nel nostro Paese. E' inevitabile che, soprattutto nel contesto socio-economico attuale che vede il 40% della disoccupazione giovanile, gli extracomunitari rappresentino un problema. Di qui, l'esigenza di pensare a come impiegarli per favorire l'integrazione sociale, per evitare che possano verificarsi fenomeni di radicalizzazione, spesso anticamera del terrorismo.

Nessun commento:

Posta un commento