lunedì 17 ottobre 2016

Scivola e cade nel burrone: Muore 33enne sotto gli occhi di moglie e figlia

È morto dopo essere scivolato in un burrone, sotto gli occhi della moglie e della loro bambina di quattro anni, mentre si accingeva a raccogliere castagne. Un volo di oltre una decina di metri che non ha lasciato scampo ad Andrea Cadoni, 33 anni, originario di Carbonia, in Sardegna, ma residente ad Adrara San Rocco. Lavorava alla ditta di trattori Same-Deutz Fahr di Treviglio. La terribile disgrazia ieri pomeriggio in località Tross, una zona boschiva impervia ad Adrara San Rocco.
Secondo una prima ricostruzione da parte dei carabinieri di Grumello del Monte, Andrea e la moglie, Elena Mossali, di Adrara San Rocco, approfittando del sole e della tregua del maltempo, avevano deciso di trascorrere il pomeriggio all’aperto, facendo una passeggiata nei boschi sopra il paese. Mentre camminavano lungo il sentiero, ad un certo punto Andrea si è staccato dalla moglie e dalla bambina per un centinaio di metri. Dai primi accertamenti sembra che il 33enne, dopo aver raggiunto un punto del sentiero, mentre raccoglieva delle castagne ha perso l’equilibrio ed è scivolato nel burrone precipitando per una decina di metri, sparendo così dalla vista della moglie e della figlia. È stata proprio la donna a lanciare l’allarme. La centrale operativa del 118 ha inviato sul posto l’ambulanza e l’elicottero dalla base dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Allertati anche i vigili del fuoco e il Soccorso alpino di Clusone. In breve la macchina dei soccorritori si è messa in moto, e non sono mancate le difficoltà, soprattutto per l’elicottero del 118, per via della fitta vegetazione. Quando finalmente i medici hanno trovato il 33enne, hanno provato a rianimarlo, ma alla fine si sono dovuti arrendere. La salma è stata recuperata grazie ai vigili del fuoco che si sono dovuti calare nel burrone. Il corpo del giovane papà è stato composto nella camera mortuaria del cimitero di Adrara San Rocco, in attesa del nulla osta della magistratura per i funerali. 

Nessun commento:

Posta un commento