mercoledì 9 novembre 2016

Agonizzante bussa ai vicini: non gli aprono per paura dei ladri

I vicini credevano fosse un ladro, invece era solo il loro dirimpettaio che stava per morire soffocato e che chiedeva aiuto come poteva, suonando disperatamente campanelli e citofoni e bussando a tutte le porte, senza poter gridare perché sottoposto a tracheotomia. Fortunatamente i carabinieri lo hanno trovato rantolante a terra agonizzante ma ancora vivo e sono riusciti ad allertare i soccorritori.....
in extremis, salvandolo da una fine certa e orribile. È successo tutto nella notte tra domenica e lunedì a Merate, all’interno di una vecchia corte di via Monte Grappa nella frazione di Sartirana. L’allarme è scattato poco dopo l’una, quando alcuni abitanti del complesso residenziale hanno telefonato agli operatori del 112 denunciando che qualcuno continuava a picchiare alle porte delle loro abitazioni e che avvertivano strani rumori. Pensavano si trattasse di qualche malintenzionato, nessuno si è affacciato alle finestre nemmeno per controllare, sono rimasti rintanati e barricati in casa nonostante tutti sapessero delle gravi condizioni di salute del condomino.

Sul posto sono subito intervenuti i militari dell’aliquota Radiomobile, senza tuttavia trovare estranei né notare nulla di anomalo. Prima di andarsene però hanno notato l’uscio di un’abitazione spalancato, sono entrati a controllare temendo che fosse stato compiuto un furto, anzi che fosse stata commessa addirittura una rapina a causa del disordine che regnava ovunque, ma dentro non c’era nessuno. Hanno quindi chiesto informazioni a chi li aveva chiamati e i vicini hanno spiegato la situazione di difficoltà in cui versa il legittimo inquilino, un sessantenne malato di tumore che non ha parenti né amici, solo un conoscente che saltuariamente lo assiste. Gli uomini in divisa si sono così insospettiti, hanno intuito cosa potesse essere accaduto e si sono messi immediatamente a cercarlo.

Non hanno impiegato molto a rintracciarlo, era riverso in stato di incoscienza tra due auto in sosta lungo una stradina secondaria, con le mani serrate sulla gola, chiaro segno di quanto avvenuto, probabilmente per un rigurgito che ha ostruito il catetere posizionato nella trachea. «Ci siamo spaventati, abbiamo avuto paura che si trattasse di qualche ladro si sono giustificati i vicini -. Non immaginavano fosse lui...». In una manciata di minuti sono accorsi i sanitari del 118 che lo hanno rianimato e poi trasferito d’urgenza all’ospedale San Leopoldo Mandic dove è ancora ricoverato. Le sue condizioni rimangono critiche ma il peggio per lui, scambiato per un ladro e salvato dai carabinieri, è passato. 

Nessun commento:

Posta un commento