mercoledì 16 novembre 2016

Choc: Strangola la figlia di un anno e dà la colpa al fratellino

L'accusa è pesante, di quelle che colpiscono l'opionione pubblica, ma Kristen DePasquale, 27 anni, continua a negare di aver strangolato la figlia Rice, di appena un anno. La tragedia si è consumata in Florida e il corpo della bambina è stato trovato il 10 novembre, al collo aveva un filo di luci a forma di zucca, come vuole la tradizione di Halloween. La donna, madre di due figli, ha accusato......
il primogenito, più grande della sorellina di soli 15 mesi. Secondo quanto riferito dalla polizia al Daily Mail, la DePasquale ha raccontato di essersi allontanata per fare la doccia lasciando i bambini davanti alla televisione ed è in quel momento che il piccolo avrebbe ucciso la bambina. Al ritorno dal bagno il bambino si sarebbe anche scusato con la mamma per aver ferito la sorellina. 

Il medico legale interpellato dopo il ritrovamento del cadavere ha assicurato che il piccolo non avrebbe avuto la forza necessaria per strangolare nessuno e che ci sono voluti dai quattro ai sei minuti per farla morire.  Non convince neanche la versione del bagno, perché il piatto doccia era asciutto, non c'erano asciugamani bagnati in vista, i piedi di Kristen ancora sporchi e il suo viso truccato. La donna è stata accusata di omicidio e di abbandono di minori e arrestata lunedì scorso; all'arrivo delle autorità si è anche rifiutata di sottoporsi al test antidroga. 

Nessun commento:

Posta un commento