lunedì 7 novembre 2016

L'Atalanta "vola", stende il Sassuolo 3-0: Gagliardini in Nazionale

Scatto imperioso dell’Atalanta che approfitta del momento no del Sassuolo per salire in classifica a quota 22, al quarto posto con la Lazio, superando anche il Napoli. È la sesta vittoria nelle ultime 7 gare, con 19 punti (meglio della Juve, ferma a 18), per la formazione di Gasperini che si conferma squadra del momento. L’Atalanta ha costruito il proprio successo nel primo tempo andando all’intervallo avanti con un rassicurante 3-0 grazie ai gol di Gomez, Caldara e Conti, rendendo quasi inutile.....
la seconda parte del match nel corso del quale il Sassuolo non è stato nemmeno fortunato. Con le solite assenze importanti a condizionare le scelte del tecnico, la squadra modenese si presenta con un 3-5-2 tornando dopo la mezz’ora con la difesa quattro. Non c’è Cannavaro ma Terranova. Nell’Atalanta Kessie preferito a Freuler in mezzo al campo. Parte meglio la squadra ospite subito pericolosa al 15’ con Gomez che impegna Consigli. Qualche minuto dopo si rompe l’equilibrio: cross per Gomez che si trova però in fuori gioco. La sua conclusione viene respinta da Consigli, sulla ribattuta l’attaccante la mette dentro. Inutili le proteste dei sassolesi. L’Atalanta insiste e al 24’ trova il raddoppio: Gagliardini la mette in mezzo per Caldara che al volo di sinistro sorprende Consigli. Di Francesco torna al 4-3-3 togliendo Lirola e inserendo Ricci. Al 34’ l’ottimo Caldara ferma Defrel lanciato a rete. Il Sassuolo non è fortunato perché al 40’ potrebbe riaprire la gara ma la traversa respinge il colpo di testa di Defrel. Prima dell’intervallo la rete che chiude di fatto il match. Conti raccoglie una palla vagante in area dopo calcio d’angolo e spedisce la palla nel sette.

Nella ripresa il Sassuolo, con Iemmello al posto di Matri, prova a reagire ma l’Atalanta ha il pieno controllo della situazione. Al 28’ ancora i legni della porta salvano Berisha con Politano che colpisce la traversa. Al 34’ si arrabbia il Sassuolo ma soprattutto Di Francesco che viene espulso per proteste: Berisha su un retropassaggio perde palla, arriva Defrel che viene toccato dallo stesso portiere. Per Maresca non è rigore. Per la squadra di Di Francesco è la quarta sconfitta nelle ultime sei gare di campionato nel corso delle quali ha ottenuto solo 4 punti. Un’altra delusione quella di oggi dopo la beffa di giovedì scorso in Europa League con il Rapid Vienna.

Rientro in Nazionale rimandato per Claudio Marchisio, che ha lasciato in mattinata "a scopo precauzionale" il ritiro azzurro di Coverciano. Il centrocampista della Juventus, rientrato in campo circa due settimane fa dopo l'infortunio ai legamenti del ginocchio, presenta un "sovraccarico articolare all'arto inferiore sinistro". Marchisio sarebbe tornato a vestire la maglia azzurra dopo quasi un anno: era, infatti, assente da Coverciano dai giorni che precedettero l’amichevole con la Romania del 17 novembre 2015. Al suo posto Ventura ha deciso di convocare il centrocampista dell'Atalanta Roberto Gagliardini, reduce da un super avvio di stagione. Sarà il terzo esordiente di questa tornata, insieme a Politano e Cataldi.

Nessun commento:

Posta un commento