giovedì 3 novembre 2016

Tre furti in casa in soli 15 giorni: ​"Ora basta, adesso sparo"

Quartiere battuto dai ladruncoli, che portano via qualsiasi cosa. Monetine dalle auto. Anche le galline dal pollaio. Una, due, tre volte. Al punto da esasperare le vittime: «Se succede un’altra volta sparo». La notizia su ilgazzettino.it. Lo sfogo non è di uno qualunque, ma di una persona che ogni giorno, agli altri, fa del bene, non certo del male: Mario Giolo, presidente dell’associazione “Natale Mazzolà”, che si occupa di......
volontariato tra gli anziani delle case di riposo dell’Israa. Giolo è un ex progettista della Puppinato di Paese, ora in pensione, abita in via Caboto, a due passi dall’ex hotel Carletto, ai confini tra Treviso e Biban di Carbonera. Per tre volte in tre settimane ha dovuto subire la “visita” dei ladri. L’ultima volta martedì, giorno di Ognissanti.

E ora si lascia andare a parole pesanti: «Ho il porto d’armi, mi metterò a far la guardia con la pistola». La prima incursione, la notte di domenica 16 ottobre. Il lunedì seguente, stesso copione. «Hanno tirato giù la recinzione, mia e del vicino. In quel caso senza portare via niente. Poi, stamattina, (ieri ndr), l’ennesima brutta sorpresa: sono sparite addirittura le mie galline. Sono in ansia in particolare per le persone che vivono sole. Ci sono diverse vedove che abitano qui nei dintorni – conclude - e ormai bisogna andare a dormire con la pistola sul comodino».

Nessun commento:

Posta un commento