giovedì 1 dicembre 2016

Azienda distrutta dalle fiamme: danni per milioni di euro

Danni incalcolabili: le stime già parlano di milioni di euro. Incendio nello stabilimento di Sonico: sono andati distrutti gli uffici e i magazzini dell'azienda Cotonella a Sonico (bs). Le fiamme sono divampate intorno alle 19 di mercoledì, probabilmente per un sovraccarico elettrico: non si esclude un'avaria ai pannelli solari esterni, con il successivo corto circuito di una lampada. A dare l'allarme......
gli addetti dell'impresa di pulizie che avevano appena sistemato gli uffici dopo l'ora di chiusura. Le fiamme sono divampate rapidissime, e uno a uno hanno raggiunto i capannoni: non è rimasto più niente. Ci sono volute molte ore per spegnere l'incendio. Unica consolazione: nessun ferito.

Sul posto almeno una trentina di pompieri, e squadre dei Vigili del Fuoco arrivate da Brescia, Darfo Boario Terme, Edolo e Vezza d'Oglio. Autopompe e autobotti, mentre le fiamme per lunghi attimi hanno raggiunto vari metri d'altezza. Se non fosse stato per il buio, la colonna di fumo si sarebbe vista a chilometri di distanza.

Altro detonatore inevitabile: la stoffa e i filati del magazzino, che altro non hanno fatto che dare nuova “benzina” alle fiamme già scatenate. Un colpo durissimo per l'industria camuna: alla Cotonella di Sonico ci lavorano circa una sessantina di dipendenti. Sembra siano arrivati sul posto, uno alla volta, per verificare di persona i danni all'azienda.
La dirigenza accusa il colpo ma non si tira indietro: si attende la nota ufficiale con cui Cotonella annuncerebbe un'immediata ripartenza. Ci sarà da lavorare: i danni presunti sono di alcuni milioni di euro.

La Cotonella è stata fondata più di 40 anni fa (era il 1972) a Edolo, e oggi è tra i leader in Italia nella produzione di abbigliamento intimo. La produzione mensile è di circa 50mila unita, con picchi da 12 milioni di pezzi l'anno. Il fatturato è di oltre 30 milioni di euro. La sede oggi è a Sonico, con una filiale commerciale a Milano. Ma la produzione è stata spostata in Albania.

Nessun commento:

Posta un commento