mercoledì 28 dicembre 2016

Gira film porno in casa, perde l’affidamento dei figli: “Ero senza soldi”

Le hanno tolto i figli. Una donna di 46 anni è stata condannata dal Tribunale dei minori di Brescia perché era stata la protagonista di un film porno e l'aveva girato nella sua casa, pubblicandolo infine online. La vicenda ha destato non poco scalpore nel paese della provincia bresciana. Tanto da spingere i giudici a intervenire e a togliere i figli alla donna. Le polemiche erano.....
sorte soprattutto, scrive il Giornale di Brescia, a causa di una scena del film hard in cui una donna esce dalla scuola materna del paese.
La 46enne ha provato a difendersi in tutti i modi, spiegando che sarebbe stata "costretta" a dedicarsi al porno per poter pagare le bollette e le cartelle di Equitalia. "Ho sbagliato - ha detto - ma l'ho fatto perché avevo bisogno di soldi. Avevo troppe spese da sostenere e il mio ex marito non contribuiva. Ho preso i soldi e pagato bollette e cartelle di Equitalia, è tutto documentato".


Secondo il giudice, invece, "l'uso della casa coniugale per girare filmati pornografici rappresenta un pregiudizio gravissimo alla dignità morale dei ragazzi". E così i figli sono stati allontanati. Ma la donna promette ricorso.

Nessun commento:

Posta un commento