martedì 17 gennaio 2017

In auto con 520 chili di marijuana: arrestati 3 albanesi

Viaggiavano con 520 chili di marijuana, tutta destinata al mercato lombardo, che se venduta al dettaglio avrebbe fruttato qualcosa come 5 milioni di euro: l’ingente carico di sostanza stupefacente, però, è stato intercettato dai finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria di Lodi che hanno arrestato in flagranza di reato tre cittadini albanesi. I conducenti residenti a Treviglio, e Cologno al Serio erano alla guida di.....
due auto e un furgone: uno dei mezzi era già noto per essere in uso a soggetti vicini alla criminalità locale, e il convoglio procedeva con un primo veicolo con funzione di staffetta e i restanti due che seguivano ad andatura lenta.

Un comportamento che ha insospettito una pattuglia in abiti civili della Finanza che, con auto di copertura al seguito, ha notato gli spostamenti dei tre e ha dato vita a un lungo e accorto pedinamento, conclusosi nella zona industriale di Muggiò, in provincia di Monza e Brianza: una volta parcheggiati i mezzi i tre conducenti sono entrati in un locale pubblico ed è stato a quel punto che un finanziere si è avvicinato con accortezza a una delle vetture per verificare dai finestrini cosa trasportasse.

All’interno dell’auto, priva dei sedili posteriori, erano stipati dei panetti di marijuana nascosti solamente da una coperta: dopo aver circondato la zona, i militari hanno atteso l’uscita dal bar dei tre per poi procedere al fermo. Da un approfondito controllo di tutti i mezzi, che non ha richiesto l’intervento dell’unità cinofila, è emerso come complessivamente il carico era di 520 chilogrammi, immediatamente sequestrati.


Al termine di tutte le attività, i tre cittadini albanesi sono stati accompagnati in carcere a disposizione della Procura della Repubblica di Monza. A seguito dell’arresto è stata svolta un’altra perquisizione d’iniziativa in un monolocale di Lodi Vecchio, nella disponibilità di uno dei fermati, dove sono state rinvenuti ulteriori quantitativi di marijuana.

Nessun commento:

Posta un commento