mercoledì 1 marzo 2017

Abusa della figlia di 3 anni, poi esce a bere un caffé: la bimba muore sul pavimento di casa

La figlia di 3 anni è a terra priva di sensi, il padre non la soccorre ed esce a bere un caffè e fumare una sigaretta. Matthew Lee Williamson, di Brisbane, è stato condannato per l’omicidio di sua figlia Kyhesha-Lee Joughin, morta nel marzo 2013. La bambina sarebbe morta dopo aver subito abusi fisici e sessuali, per mano dello stesso padre. A denunciare i fatti è stato....
il coinquilino dell'uomo che una mattina notò la bimba in terra, con le labbra blu, priva di sensi. L'uomo, come riporta il Sun, provò a rianimarla e chiamò i soccorsi svegliando anche il padre della piccola che in tutta risposta uscì di casa per fare colazione. 
Una volta in ospedale, purtroppo, i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso della bimba sul cui corpicino sono state trovate diverse lesioni. La bimba era stata picchiata e aveva subito abusi sessuali da parte del padre, come ha confermato anche lo stesso coinquilino: «Dormiva tutto il giorno e spesso chiudeva la figlia nella sua camera da letto per ore. Si sarebbe infuriato a morte se la piccola avesse fatto i suoi bisogni in giro per la stanza».

Nessun commento:

Posta un commento