venerdì 31 marzo 2017

Furto di rame per 50mila euro: Beccato dopo un anno "incastrato dal Dna"

Dopo un anno di indagini dopo l’ingente furto di cavi in rame all’interno di un’azienda di Pontirolo Nuovo, i carabinieri della Stazione di Fara Gera d’Adda, con il supporto delle indagini di polizia scientifica del Ris di Parma, hanno individuato e denunciato a piede libero per furto aggravato un rumeno 25enne, in Italia senza fissa dimora, già noto alle Forze dell’Ordine.
 Si trattò di un furto ingente di cavi in rame quantificabile in circa 50.000 euroDopo l’asportazione di numerosi cavi elettrici, i militari dell’Arma in sede di sopralluogo avevano ritrovato diverse tracce e reperti vari (mozziconi di sigarette e guanti) che, dopo essere stati raccolti con cura, sono stati mandati al Ris di Parma per individuare il profilo genetico. I militari hanno poi ricostruito i movimenti del giovane rumeno. La posizione del giovane è ora al vaglio della magistratura.

Nessun commento:

Posta un commento