mercoledì 8 marzo 2017

Gasperini con l'Inter "Partita non decisiva", fronte allenatori: "Sto bene a Bergamo"

Gian Piero Gasperini è stato intervistato da Sky Sport in vista della partita con l’Inter, squadra che ha allenato anche se per poco tempo. Della sua avventura in nerazzurro e del prossimo match di campionato ha parlato il tecnico dell’Atalanta: L’Inter è una squadra forte, composta da giocatori importanti, con Pioli ha trovato una giusta organizzazione, è compatta, sta facendo risultati importanti, è una partita difficile.
È uno scontro importante ma non determinante perché mancano tante giornate. Indubbiamente è importante per entrambe le squadre. Non è una gara contro l’Inter, è una gara a favore dell’Atalanta per cercare di coronare una stagione straordinaria, sarebbe bello farlo con un risultato importante a San Siro, raggiungendo il nostro obiettivo. Per quella che è stata la mia esperienza brevissima all’Inter, non ho risentimenti, le cose sono cambiate molto, c’è una società nuova adesso, sarà una società importantissima, vuole portare l’Inter ad altissimi livelli, è una novità molto importante per il nostro calcio“, le sue parole.


Sul campionato dell’Atalanta: “Per come è andato il campionato, per i risultati fatti dall’Atalanta, forse potevamo avere qualche punto in più. Credo che il primo, secondo e terzo posto siano fuori dagli obiettivi di tutte le squadre che inseguono e che la lotta sia solo per l’Europa League. A marzo, non c’è niente di certo da nessuna parte. Forse la cosa più certa sono io all’Atalanta con la quale ho il contratto fino al prossimo anno: è un ambiente in cui mi trovo benissimo. Chiamate da grandi squadre? Tempo fa ho avuto una chance importante all’Inter: non è andata a buon fine e poi ho dovuto ricostruire molto della mia credibilità. Ora se si parla di contatti con grandi squadre come Juve e Roma, vuol dire che sono tornato ad alti livelli però anche l’Atalanta è una squadra da alti livelli“.

(Fonte: Sky Sport 24/sport.sky.it)

Nessun commento:

Posta un commento