giovedì 27 aprile 2017

Clandestini in taxi dall'Austria: loro liberi, il tassista multato 7mila euro

Arrivano in taxi in Italia quattro clandestini afghani. Richiedono subito asilo, non vengono denunciati, ma invitati a presentarsi negli uffici della questura di Udine per regolarizzare la loro posizione. Il tassista, invece, un uomo di Klagenfurt di 21 anni, viene sanzionato: per lui la multa è di 7mila 334 euro; quel viaggio, insomma, il tassista l'ha pagato salato, circa 1800 euro a profugo. A fermare il gruppetto.....
sono stati i carabinieri della Compagnia di Tarvisio, comandata dal capitano Robert Irlandese, nel pomeriggio di ieri, mercoledì 26 aprile. Il taxi, che non si capisce bene da che area dell'Austria fosse partito con i quattro afghani, ha percorso l'autostrada ed è entrato in Italia, in Friuli, a Tarvisio, sulla A23. Poi si è diretto verso la stazione dei treni di Bosco Verde, perché evidentemente i suoi clienti erano intenzionati a perdere il treno per proseguire il loro viaggio. 

Ma poco prima della stazione della ferrovia sono stati fermati per un controllo dai militari dell'Arma che hanno scoperto, a bordo del taxi, gli afghani, tutti senza documenti. Questi ultimi, tutti maschi, due di 26 anni, uno di 24 e uno di 19, avevano già fatto richiesta di asilo politico in Austria ma l'istanza non era stata accolta dalle autorità di quel Paese. Così i quattro hanno pensato bene di chiamare un taxi, di pagarlo - non si sa bene quanto - e di entrare nel territorio italiano. 


A finire nei guai è stato il tassista che è stato sanzionato: non è stato arrestato né denunciato perché si tratta di un operatore che svolge un servizio pubblico; è un vettore terrestre, così come esistono i vettori marittimi. Era però tenuto per legge a chiedere i documenti alle persone che chiedevano di essere trasportate, cosa che non ha fatto con i 4 afghani. Ed è solo per questo che non è stato arrestato ma solo sanzionato a livello amministrativo.

Nessun commento:

Posta un commento