giovedì 4 maggio 2017

Furti a raffica alle auto in sosta, 8 furti in 15 giorni: arrestati padre e figlio

Furti nelle auto in sosta perpetrati nelle due settimane centrali di marzo. In manette ci sono finiti due italiani, padre e figlio di 38 e 18 anni, risultano residenti a Gussago. Beccati al termine di una intricata missione investigativa, grazie alle testimonianze dei derubati, agli appostamenti, alle telecamere di videosorveglianza. Operavano praticamente in tutto l'hinterland e l'ovest bresciano, fino alla Franciacorta. Il periodo temporale degli ultimi colpi accertati almeno otto: dal 10 al 25 marzo….
Nel loro agire, non hanno risparmiato nessuno: runners impegnati in allenamento, operai a pranzo, professionisti fuori casa.

Un modus operandi sempre simile, ma purtroppo anche sempre efficace: facevano saltare i finestrini oppure forzavano le serrature delle auto. Sceglievano sempre molto bene le loro vittime, quasi per andare a colpo sicuro.

Qualche furto, nel dettaglio: bottino da 3000 euro in attrezzature edili quando proprio a Gussago avevano derubato il furgone di un gruppo di operai che erano in pausa pranzo. Oppure occhiali costosi, portafogli e cellulari di alcuni runners che avevano lasciato tutto in auto per andare ad allenarsi.


E poi colpi fuori dai ristoranti e dai cimiteri, nei parchi di giorno e fuori dai locali della movida di notte. Un agire metodico che ha fruttato loro un bottino parecchio consistente. E non è finita: all'interno del loro domicilio i militari hanno trovato materiale (al momento non si sa nulla di più) che potrebbe incriminarli anche per altri reati. Ma intanto le manette ai polsi sono già ben strette.

Nessun commento:

Posta un commento