martedì 23 maggio 2017

Manchester, attentato al concerto di Ariana Grande: 22 morti, anche bimbi

Attentato la scorsa notte alla Manchester Arena, dove si era appena concluso il concerto della cantante Ariana Grande.  Ci sono anche bambini tra gli almeno 22 morti e 59 feriti causate da un terrorista kamikaze che ha piazzato una bomba contenente dei chiodi all'interno del foyer, riporta la Bbc online. È stato 
un «atto malvagio» che ha preso di mira i bambini, ha commentato il nuovo sindaco di Greater Manchester, il laburista Andy Burnham, sull'attacco che ha colpito la città a poche settimane dalla sua elezione. Secondo Burnham, le vittime «erano bambini, giovani e le loro famiglie che i responsabili hanno scelto di terrorizzare e uccidere».

Fonti citate dalla Bbc riferiscono che le forze di polizia indagano su quanto accaduto a Manchester come «un fatto di terrorismo». Un attentatore suicida: secondo dirigenti americani citati dalla Cnn, le indagini sull'esplosione alla Manchester Arena starebbero esaminando questa possibilità.  Le indagini risultano essere state affidate alla North West Counter Terrorism Unit. Alla Manchester Arena sono arrivate squadre di artificieri. Sempre sulla pagina twitter della Polizia è stato pubblicato un post in cui comunica un'"esplosione controllata" ai Cathedral Gardens nei pressi della Manchester Arena per il ritrovamento di un pacco sospetto.
  
"PARTI DI CORPO OVUNQUE" Testimoni reduci dalla Manchester Arena riferiscono alla Bbc di aver visto almeno una ventina di corpi nell'area dopo l'esplosione - almeno una - udita dopo la fine di un concerto. "Ho visto corpi ovunque - ha dichiarato un uomo di nome Andy alla BBcnews - ho visto a terra anche bambini e disabili". Ancora più drammatica la testimonianza rilasciata alla BBC Manchester Radio, di una ragazza di nome Emma: "Ero nel foyer, mi è esploso il bicchiere in mano. Ho visto parti di corpo ovunque, anche un orecchio, non ho idea di come siamo sopravvissuti. E' la cosa peggiore che abbia mai visto".

I rinforzi dell'antiterrorismo di Scotland Yard sono stati inviati da Londra già nella notte. Immediate le reazioni di cordoglio e di sgomento del mondo politico, in un Paese che si avvia alle elezioni anticipate dell'8 giugno, tappa fondamentale verso la Brexit. Fra i primi a reagire, in un tweet, il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, principale rivale elettorale della premier conservatrice, Theresa May. «Terribile incidente a Manchester. I miei pensieri sono con tutte le persone colpite» .


Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori. 240 CHIAMATE DI EMERGENZA Nei minuti successivi all'attacco terroristico di ieri sera alla Manchester Arena la polizia ha ricevuto 240 chiamate di emergenza dal pubblico: lo ha detto la stessa polizia di Manchester. La Manchester Arena, una struttura utilizzata per eventi sportivi e concerti, è la più grande arena indoor d'Europa. È stata completata nel 1995 e ospita regolarmente eventi di richiamo. Ha una capienza superiore ai 21.000 posti. In serata era affollata di persone, soprattutto giovani e giovanissimi, per un concerto di Ariana Grande, pop star americana 24enne, conclusosi poco prima che fosse udita l'esplosione, individuata nell'area del foyer.

Nessun commento:

Posta un commento