venerdì 5 maggio 2017

Muore la donna investita dall'auto: al volante il figlio 15enne

Non c'è stato purtroppo nulla da fare per salvarla. I medici neurologi dell'ospedale di Legnano hanno dichiarato questa mattina la morte cerebrale della donna di 54 anni. La donna era stata investita ieri alle 18.45 da un'auto, al volante della quale c'era il figlio quindicenne. La terribile tragedia è avvenuta nei garage di una palazzina, nel quartiere San Paolo a Legnano. Il ragazzo....
aveva chiesto alla mamma il favore di potersi mettere alla guida della Fiat Ulisse di famiglia per compiere qualche manovra e iniziare così a imparare a guidare. Lei, seppur invitandolo alla massima prudenza, glielo aveva concesso e si era sistemata accanto alla macchina, con lo sportello aperto in modo da intervenire immediatamente in caso di necessità. Ma è bastato un istante ed è avvenuta la disgrazia. Forse il ragazzo non ha saputo moderare la velocità oppure gli è scivolato il piede sul pedale della frizione. Fatto sta che nel procedere in retromarcia l'ha urtata accidentalmente con la portiera e l'ha sbattuta con violenza a terra. La donna ha picchiato rovinosamente la testa sull'asfalto e ha perso subito i sensi a causa di una copiosa emorragia cerebrale.


Nei garage sono arrivate subito la Croce rossa e l'automedica. Non c'era un attimo da perdere. I soccorritori hanno intubato la donna sul posto e poi immediata è stata la volata nel vicino ospedale di Legnano. Le sue condizioni erano però apparse subito disperate tanto da non essere possibile neppure intervenire con un'eventuale operazione chirurgica. Troppo gravi i danni neurologici. La donna è rimasta in coma tutta la notte e poi questa mattina è stata purtroppo dichiarata la sua morte celebrare. I familiari hanno autorizzato il prelievo degli organi, come un ultimo gesto d'amore di questa madre che - come capita a tutte le mamme - voleva solo fare felice il figlio, esaudendo il suo desiderio di guidare una macchina. Ed ora, oltre al dolore lancinante che il ragazzo è tutta la sua famiglia stanno vivendo, c'è purtroppo anche da valutare la sua situazione penale. Per quanto successo potrebbe configurarsi infatti il reato di omicidio colposo, ma sarà l'autorità giudiziaria nei prossimi giorni a vagliare la dinamica di quando successo e considerare un'eventuale contestazione a carico del ragazzo, ora completamente sotto choc per quanto di terribile è successo alla sua mamma. 

Nessun commento:

Posta un commento