mercoledì 18 ottobre 2017

La nuova estorsione ai commercianti: "Paga in bitcoin o ti danneggio il negozio"

Il "pizzo" richiesto sotto ricatto ai commercianti oggi come oggi è in bitcoin. La moneta virtuale è protagonista anche dei tentativi di estorsione ai danni delle attività imprenditoriali. In un messaggio lasciato sui parabrezza delle auto oppure sotto le serrande dei negozi e riportato dal "Giornale di Brescia" si chiedono soldi e si minacciano ritorsioni se non si pagheranno 50 euro tutti i mesi.......
Dettagliate anche le indicazioni per i versamenti, con un codice per l’acquisto di bitcoins. La scelta delle monete elettroniche dipende dal fatto che non sono facilmente tracciabili e sempre più spesso vengono usate per le transazioni illegali.


Nessun commento:

Posta un commento