venerdì 11 maggio 2018

Facebook: 12 informazioni che dovreste eliminare dal profilo


Se vogliamo salvaguardare (per quanto possibile) la nostra privacy, è meglio che adottiamo qualche accortezza in più. Cominciando da qui. Lo facciamo quasi automaticamente ormai, per condividere le nostre gioie o per apparire più affascinanti sui social. Siamo appena diventati genitori e cediamo al desiderio di mostrare al mondo (del web) gli scatti più belli dei nostri figli. Abbiamo appena preso in mano la carta d’imbarco e informiamo i nostri contatti di Instagram del fatto che stiamo per partire per una meta lontana.
E che non torneremo prima di una certa data. Iniziamo a frequentare una persona e ufficializziamo prima possibile la relazione su Facebook. Nulla di più sbagliato. Secondo l’Independent, se vogliamo salvaguardare (per quanto possibile) la nostra privacy, è meglio che adottiamo qualche accortezza in più. Soprattutto dopo la bufera innescata dal caso Cambridge Analytica. Da dove iniziare? Cancellando dal nostro profilo Facebook queste 12 informazioni.

1 – Il compleanno
La data di nascita è un pezzo importante di un puzzle che include anche il nome e l’indirizzo, con i quali i malintenzionati possono più facilmente accedere ai dati bancari.

2 – Il numero di telefono
Nel migliore degli scenari potreste ritrovarvi con un ammiratore educato. Nel peggiore, con uno stalker da tenere a freno.

3 – La maggior parte degli “amici”
Secondo il docente di psicologia a Oxfrod, Robin Dunbar, gli esseri umani possono intrattenere circa 150 relazioni al massimo. La maggior parte degli ‘amici’ di Facebook (e dei social network in generale) non fanno parte di questi rapporti e non vanno confusi con quelli reali.

4 – Foto di figli e di membri della famiglia molto giovani
Victoria Nash, direttrice dell’Oxford Internet Institute, si è chiesta: che tipi di informazione su loro stessi gradirebbero vedere i nostri bambini tra qualche anno? La risposta arriverà da sola. E probabilmente non include foto con tanto di didascalia sulle piccole conquiste o peggio su momenti imbarazzanti.

5 – La scuola dei bambini
Non fate sapere al popolo del web quale scuola frequentano i vostri figli. Secondo le organizzazioni specializzate, il numero di aggressioni sessuali registrate sono aumentate negli ultimi anni. E molte sono avvenute nei pressi di una scuola.

6 – I servizi di localizzazione
Questo tipo di servizio, disponibile tramite Android o iPhone, è di certo utilissimo ma permette a chi è interessato di sapere dove siete in quel momento.

7 – Il capo
E’ un classico: Facebook è un social network pensato per il relax e per uno stile informale. Finché non arriva la richiesta di amicizia del capo che ha accesso al vostro profilo e a tutti gli aggiornamenti di stato. Compresi quelli non proprio entusiastici su colleghi o lavoro. Certo si potrebbe escluderlo dalla categoria amici, ma non è una seccatura più grande?

8 – I tag alle località
Le persone non capiscono che aggiungere i tag dei nostri luoghi equivale a fornire l’indirizzo di casa.

9 - Dove e con chi siamo in vacanza
Secondo il sito-web di finanza “This is Money”,  i viaggiatori che vengono svaligiati mentre sono in vacanza non hanno diritto al rimborso se hanno pubblicato sul web informazioni sul viaggio.

10 – La relazione
Se volete celebrare l’inizio di una nuova relazione, non fatelo su Facebook. Se non funzionerà, il passaggio da “impegnato” a “single” sarà più duro.

11 – Gli estremi della carta di credito
Mai. Per nessun motivo. E’ una pessima idea

12- La foto della carta d’imbarco
Scattare una foto della carta d’imbarco è un modo per comunicare che si sta partendo per una vacanza. Ma non siate sciocchi: quel biglietto ha un codice a barre che è unico e che racchiude tutte le informazioni personali comunicate alla compagnia aerea.

Lettori fissi