giovedì 28 giugno 2018

Quindici multe per l'Autovelox, "stangata da 2500 euro": ma il cittadino fa ricorso e vince


Quindici multe in un solo mese, un salasso da oltre 2500 euro: “colpa” dell’Autovelox, che in viale Fulvio Testi a Milano ha fatto una vera e propria strage per un cittadino, che - al ritmo di poco meno di 200 euro a infrazione - era stato stangato per bene. Ma non si è arreso, ha fatto ricorso (aiutato dal Codacons) e alla fine ha avuto ragione: non dovrà pagare nulla.
Le peculiarità di questa storia sono due: la prima è che il ricorso, o meglio i 15 ricorsi, sono stati tutti accolti perché l’apparecchio «non era sufficientemente visibile e la segnaletica era lacunosa». La seconda è che il Comune, forse consapevole delle mancanze, non si è difeso e non si è costituito davanti al giudice di pace. L’Autovelox era stato piazzato «proprio nel punto della strada dove il limite di velocità muta da 70 a 50 km/h», scriveva l’avvocato, Marco Maria Donzelli, nel ricorso: uno stratagemma «utile al Comune per fare cassa», secondo il legale. Peraltro la prima multa è arrivata al cittadino a due mesi dalla prima infrazione: particolare che ha di fatto impedito allo stesso di evitare di incappare in altre multe. Il ricorso vinto, quanto meno, lo ha salvato da una stangata enorme.

Lettori fissi